08
Maggio 2013

Turismo sostenibile lungo il Po

Scritto da 
Vota questo articolo
(0 Voti)

La giunta provinciale di Pavia, su proposta dell’Assessore al Turismo, Emanuela Marchiafava, ha approvato il Protocollo d’Intesa fra la Provincia e il Politecnico di Milano per promuovere la realizzazione della “Ciclovia Ven.To.- Venezia, Milano Torino lungo il fiume Po”, che verrà firmato domenica 12 maggio alle ore 15 (presso lo IAT Broletto in Piazza della Vittoria a Pavia) dall’Assessore Marchiafava e dai rappresentanti del Politecnico. Il progetto interessa anche i comuni oltrepadani attraversati dal grande fiume. «Il turismo - dichiara l'assessore Marchiafava - è un settore in costante crescita, in grado di generare opportunità di sviluppo economico, sostenibile e occupazionale, durevoli nel tempo e in armonia con il paesaggio e l’ambiente». Il protocollo d’intesa col Politecnico di Milano verrà siglato in occasione dell’iniziativa “ VENTO BICI TOUR “ che farà tappa a Pavia nel pomeriggio del 12 Maggio, Giornata della Ciclabilità Nazionale.

«In un momento di crisi economica come l’attuale – ricorda ancora Marchiafava - è fondamentale proporre investimenti che promuovano nuovi modelli di sviluppo armonici con l’ambiente. Il rapporto costi-benefici stimato per il progetto Ven.To. è assolutamente vantaggioso verso i benefici. Ritengo infatti che si possano generare vere e proprie opportunità di crescita economica diffusa e durevole in armonia con il paesaggio e l’ambiente che possono favorire il fiorire di varie economie locali di piccola-media impresa turistica, di agriturismo, di valorizzazione dell’immenso patrimonio culturale e ambientale del Paese, lungo le sponde del Po e nelle città». Ma cos’è esattamente la ciclovia Ven.To.? «E’ innanzitutto un progetto di sviluppo – precisa l’assessore che, oltre alla delega al Turismo ha anche quella alle Politiche per lo Sviluppo Economico – ma Ven.To. è anche una concreta e stabile occasione di occupazione e rilancio economico dei territori attraversati. Andare in bicicletta non è uno sfizio di pochi, ma è uno dei modi per muoversi, viaggiare, andare a lavorare e a studiare. Le ciclovie non sono accessori di una società agiata o di una cultura che non ci appartiene, ma sono infrastrutture come le altre idonee per tutte le culture». VENTO non è un progetto locale, ma un progetto italiano: sono infatti 679 chilometri di ciclabile, ma sono anche 679 chilometri di green economy, di green jobs e potenziale crescita dell'economia. Centinaia di migliaia potrebbero essere i nuovi flussi di turisti lungo VENTO, che diverrebbero il motore per tante economie diffuse e per far ripartire la crescita. Vere green economy per le aziende agricole – 14mila sono quelle attraversate dal progetto – per le attività ricettive e per le attività commerciali.

Letto 1435 volte Ultima modifica il Mercoledì, 08 Maggio 2013 13:01
Oliviero Maggi

Collaboratore "La Provincia Pavese" - Stradella, Broni, Valle Versa

Corrispondente "Il Periodico News" - Oltrepò orientale

Sito web: quioltrepo.blogspot.it

E altri ...

Offerte speciali in Oltrepò