Stampa questa pagina
From:

Palazzo Negrotto Cambiaso di Retorbido

Scritto da 
Vota questo articolo
(0 Voti)

Nel centro del paese di Retorbido sorge palazzo dei  Marchesi Negrotto-Cambiaso Durazzo Pallavicini del XVIII secolo in stile neoclassico, con due torri situate agli angoli, certamente luogo di rappresentanza, posto di fronte alla chiesa parrocchiale, è una costruzione massiccia in cui si apre sul retro, un bel giardino. Alcuni ritengono che nel palazzo siano inglobati i resti del castello, la cui presenza in Retorbido è quasi certa, visto che il borgo fu sede di un importante feudo e di podestà.

La leggenda vuole che nel paese sorgesse il palazzo estivo di Alboino Re dei Longobardi, nel paese secondo la leggenda dimorava lo scaltro contadino Bertoldo con il figlio Bertoldino, la moglie, Marcolfa ed il nipote Cacasenno. Bertoldo riuscì ad entrare nelle grazie del Re Alboino conseguenza della sua astuzia ed arguzia tipica dei contadini oltrepadani. Un'altra leggenda è collegata a Retorbido, quella della miniera d'oro, ma nonostante le ricerche essa non fu mai trovata. In Retorbido ci sono acque solfororose, e l'oro potrebbe essere pirite che è solfato di ferro e che cristallizzando nel sistema cubico è molto rilucente e simile all'oro, infatti è definita "l'oro degli stolti". All'ingresso del paese si erge una statua "Luminosa" che raffigura Bertoldo del pittore contemporaneo pavese Marco Lodola.

Letto 4018 volte
arno faravelli

Ultimi da arno faravelli

Articoli correlati (da tag)