Associazione Calyx

Associazione Calyx

URL del sito web: http://www.pippo.com
Sabato, 07 Luglio 2018 00:00

A CACCIA DI TARTUFI

Se amate i tartufi e volete saperne di più venite in Oltrepo’ Pavese, terra terra dintartufi bianchi e neri. Vi porteremo con noi sulle colline di Varzi, dove ogni stagione regala un tipo diverso di questi preziosi frutti ipogei. Luglio è la stagione del Tartufo Nero estivo!

Durante una piacevole passeggiata nei boschi scopriremo l’ambiente in cui si sviluppano i tartufi ed i meccanismi che ne regolano la riproduzione. Incontreremo poi un esperto tartufaio, il quale con l’aiuto del suo collaboratore a quattro zampe, ci mostrerà con una lezione sul campo, come effettuare la ricerca e la raccolta nel pieno rispetto della natura.

Dopo tanto impegno, anche le papille gustative vorranno la loro parte… ed allora si raggiungerà il vicino borgo di Varzi per una visita guidata del bel centro storico risalente al XIII secolo e per gustare in questa splendida cornice un prelibato menu a base di salumi misti di Varzi, risotto al tartufo, roastbeef all’inglese con tartufo, torta di mandorle di Varzi, Vini della Cantina Scuropasso di Rocca de Giorgi, caffè e distillati.

Il ritrovo per l’inizio delle attività è previsto per le ore 18:30 a Varzi di fronte all’Infopoint Turistico in Piazza della Fiera. Il trasferimento all’area della passeggiata avverrà sotto guida degli organizzatori, ma con auto proprie. Si raccomandano scarpe adatte ad un’escursione campestre, riserva d’acqua e repellente per zanzare.

 E’ richiesta prenotazione possibilmente entro venerdì 6 luglio 2018

Maggiori informazioni sul sito degli organizzatori.

Una passeggiata panoramica al tramonto ci condurrà su un piacevole percorso a circa 400 metri di altezza tra gli splendidi paesaggi dei colli di Mondondone, antico borgo che si affaccia sulla pianura all’imbocco della Valle Staffora.

Camminando tra i vigneti scopriremo alcune particolarità ambientali che conferiscono ai vini della zona peculiari profumi e note aromatiche come la vena gessoso solfifera che in passato veniva anche utilizzata per ricavare davanzali e portali delle case locali.

Domenica, 10 Giugno 2018 00:00

A SPASSO COL GREGGE,

Nelle Valli del Giarolo alla scoperta delle origini del formaggio Montebore in compagnia di un pastore e dei suoi cani

Domenica 10 Giugno l’associazione Calyx propone una passeggiata con pranzo vicino alla città, ma in una dimensione lontanissima nel tempo, quella in cui il famoso formaggio leonardesco ed il latte per la sua produzione si ottengono ancora seguendo i metodi impiegati secoli orsono.

Le attività si apriranno infatti con una bella escursione che offrirà la possibilità di vivere l’esperienza unica di poter accompagnare al pascolo le pecore che producono il latte impiegato insieme a quello bovino per confezionare il Montebore, formaggio antichissimo che prende il nome da un pittoresco microvillaggio ai piedi del Monte Giarolo delle cui valli un tempo era tipico. Dopo decenni di oblio a causa dello spopolamento tra Otto e Novecento, la ricetta è stata recuperata una quarantina di anni fa grazie al supporto dell’Arca Slow Food ed è ora prodotta da un paio di aziende artigianali utilizzando solo latte proveniente da allevamenti locali che praticano la pastorizia.

Si potrà assistere al lavoro di controllo del gregge da parte degli abilissimi Border Collie e capire con l’aiuto del pastore, il complesso mondo dell’alimentazione naturale degli ovini da latte. Tra zootecnia e botanica scopriremo infatti che questo pastore, come un vero e proprio chef, costruisce quotidianamente per il proprio gregge un itinerario gastronomico tra le erbe di stagione atto a garantire sia il benessere fisiologico degli animali che la qualità ed il sapore unico del loro latte.

Al termine di questa interessante passeggiata tra i pascoli, con un breve trasferimento in auto, si raggiungerà il caseificio Valle Nostra, dove verrà spiegato il processo produttivo del Montebore, che rispetta l’antica ricetta tradizionale delle tre formaggette di diametro decrescente sovrapposte

Si passerà poi al pranzo-degustazione nel bellissimo casale di campagna adiacente al caseificio. Il menu prevede salumi della zona ed assaggi di formaggi di produzione propria, risotto al Montebore e dolce tradizionale, il tutto innaffiato da vini locali.

Il ritrovo è previsto per le ore 10:00 presso “La stalla dei Ciuchi” in via 2 Febbraio a Cantalupo Ligure (AL), raggiungibile in pochi minuti dal casello autostradale di Vignole Borbera (A7). Le attività si concluderanno intorno alle ore 16:00.

Con la presenza di animali al pascolo e di cani da lavoro per questa escursione purtroppo gli amici a quattro zampe dei partecipanti non sono ammessi.

Per ulteriori notizie sul percorso, informazioni riguardo le quote di partecipazione da versare alla partenza e prenotazioni contattare gli organizzatori entro sabato 9 giugno

Domenica, 27 Maggio 2018 00:00

Sapori e panorami delle Terre di Pellizza

In occasione della annuale Festa della Fragola prodotto locale secondo solo alla famosissima Pesca di Volpedo, proponiamo una visita guidata con passeggiata e merenda a tema alla scoperta del borgo e delle campagne che ispirarono il pittore Giuseppe Pellizza, figura di spicco del Divisionismo e autore del famoso “Quarto Stato”.

L’itinerario avrà inizio alla Cascina Cabella di Casalnoceto, un’antica fattoria in stile piemontese che sorge ai piedi di una collina lungo l’antica via per Volpedo, ricordata da Pellizza nell’olio “La strada per Casalnoceto”. Tra prati a foraggio, alternati a filari di alberi da frutto che da più di duecento anni rappresentano l’eccellenza del territorio, si giungerà all’ingresso di Volpedo. Qui ci immergeremo nell’atmosfera Ottocentesca del centro visitando lo studio di del pittore per poi scoprire la pieve medievale, i giardini del castello Malaspina, la piazza ed i vicoli che fecero da scenario alle più famose opere del pittore

Attraverso le proprietà agricole appartenute un tempo alla famiglia del pittore si salirà ad un punto panoramico che domina il paese di Volpedo dove fu dipinta l’opera pellizziana la Montà di Bogino e da qui avrà inizio il ritorno a Casalnoceto tra bei paesaggi aperti passando dall’Oratorio campestre della fogliata, ricordo di un’antica apparizione mariana che pare ispirò la vocazione del santo alessandrino Luigi Orione.

A conclusione dell’escursione, presso la Cascina Cabella si degusterà una abbondante merenda tradizionale a base di specialità locali legate ai temi della giornata.

Il ritrovo è previsto per le ore 14:45 davanti all’ingresso della Cascina Cabella. Le attività si concluderanno nello stesso luogo verso le ore 18:00 circa.

E’ RICHIESTA LA PRENOTAZIONE ALL’ATTIVITA’ POSSIBILMENTE ENTRO VENERDI’ 25 MAGGIO 2018. La prenotazione non comporta alcun obbligo, ma serve solo per acquisire la priorità in quanto l’attività è a numero chiuso e per essere informati in caso di annullamento per maltempo.

Sabato, 02 Giugno 2018 00:00

TRAMONTI DI..VINI 2018

Il primo appuntamento per la rassegna Tramonti Di…Vini è previsto a Montalto Pavese presso la cantina Ca’ del Ge.

Situata in uno dei vertici del triangolo del Riesling, questa tenuta offre panorami mozzafiato e una meravigliosa vista sul castello di Montalto, uno dei più grandi e meglio conservati manieri della Lombardia che dai suoi 500 metri di altezza domina l’abitato. In questa prima uscita sarà il legame fra natura, terra e vite a farla da padrone: una suggestiva e panoramica passeggiata fino alla Costa del Vento, che appunto per la sua particolare esposizione è caratterizzata da una vasta prateria quasi totalmente priva di specie arboree. Durante il percorso una guida esperta del territorio ci descriverà flora e fauna dell’Oltrepò Pavese oltre che la natura dei terreni a vigneto ed il loro legame con le caratteristiche dei vini che si degusteranno nel seguito della serata. Al rientro dalla passeggiata la nuova generazione della famiglia Padroggi condurrà una visita delle vigne e delle cantine dell’azienda, spiegando tutti i processi necessari a trasformare le uve in vino. Le attività si chiuderanno in bellezza nella accogliente sala degustazioni con i vini della cantina abbinati a formaggi e salumi tipici dell’Oltrepò Pavese.

La partecipazione è soggetta a prenotazione entro venerdì 1 Giugno. La prenotazione non comporta alcun obbligo, ma serve solo per acquisire la priorità in quanto l’attività è a numero chiuso e per essere informati in caso di annullamento per maltempo

Domenica, 27 Maggio 2018 00:00

Sapori e panorami delle Terre di Pellizza

In occasione della annuale Festa della Fragola prodotto locale secondo solo alla famosissima Pesca di Volpedo, proponiamo una visita guidata con passeggiata e merenda a tema alla scoperta del borgo e delle campagne che ispirarono il pittore Giuseppe Pellizza, figura di spicco del Divisionismo e autore del famoso “Quarto Stato”.

L’itinerario avrà inizio alla Cascina Cabella di Casalnoceto, un’antica fattoria in stile piemontese che sorge ai piedi di una collina lungo l’antica via per Volpedo, ricordata da Pellizza nell’olio “La strada per Casalnoceto”. Tra prati a foraggio, alternati a filari di alberi da frutto che da più di duecento anni rappresentano l’eccellenza del territorio, si giungerà all’ingresso di Volpedo. Qui ci immergeremo nell’atmosfera Ottocentesca del centro visitando lo studio di del pittore per poi scoprire la pieve medievale, i giardini del castello Malaspina, la piazza ed i vicoli che fecero da scenario alle più famose opere del pittore

Attraverso le proprietà agricole appartenute un tempo alla famiglia del pittore si salirà ad un punto panoramico che domina il paese di Volpedo dove fu dipinta l’opera pellizziana la Montà di Bogino e da qui avrà inizio il ritorno a Casalnoceto tra bei paesaggi aperti passando dall’Oratorio campestre della fogliata, ricordo di un’antica apparizione mariana che pare ispirò la vocazione del santo alessandrino Luigi Orione.

A conclusione dell’escursione, presso la Cascina Cabella si degusterà una abbondante merenda tradizionale a base di specialità locali legate ai temi della giornata.

Il ritrovo è previsto per le ore 14:45 davanti all’ingresso della Cascina Cabella. Le attività si concluderanno nello stesso luogo verso le ore 18:00 circa.

E’ RICHIESTA LA PRENOTAZIONE ALL’ATTIVITA’ POSSIBILMENTE ENTRO VENERDI’ 25 MAGGIO 2018. La prenotazione non comporta alcun obbligo, ma serve solo per acquisire la priorità in quanto l’attività è a numero chiuso e per essere informati in caso di annullamento per maltempo.

Domenica, 13 Maggio 2018 00:00

Sapori e Natura alla Corte Malaspina

L’itinerario dell’escursione ripercorrerà idealmente la storia dei Malaspina, la famiglia marchionale che fu l’artefice e la custode dell’incrocio di saperi, sapori e tradizioni che ancor oggi costituisce la peculiarità della Valle Staffora.

Le attività si apriranno alle ore 10:00 con la visita guidata della rocca di Oramala, culla dei Malaspina, posta a circa 700 m. di altezza si scenderà a piedi al borgo di Varzi attraverso un percorso panoramico della durata di circa 1 ora, nel quale prati e piccole realtà agricole si alternano a boschi misti di castagni, querce carpini e frassini in cui è ancora possibile scorgere caprioli e cavalli al pascolo e le fioriture di alcune specie di orchidee selvatiche.

Giunti a Varzi andremo “a lezione di salame” nella suggestiva sede storica di un noto salumificio locale collocata in un antico magazzino mercantile che si affaccia sul camminamento delle mura trecentesche del borgo. Conosceremo così il prodotto simbolo della località e del potere mercantile dei Malaspina e lo degusteremo insieme ad altre specialità legate alla storia di Varzi. Dopo questo pranzo a buffet (il menu e disponibile sul sito www.calyxturismo.blogspot.it), effettueremo una visita guidata del borgo nel quale dal 1275 i Malaspina collocarono la sede dirigenziale del loro potente marchesato, trasformandolo in una ricca cittadina dedicata ai commerci, all’artigianato ed ai servizi dedicati al transito di merci e di persone tra la Pianura Padana ed il mar Ligure. Il grazioso centro che deve il proprio fascino al fatto di essere uno dei rari esempi italiani di borgo ad ordini di portici sovrapposti e di conservare intatto il proprio impianto medievale. L’atmosfera è particolare perché pur essendo in pieno Appennino, grazie ai colori delle case e al clima si ha l’impressione di essere in un borgo della costa ligure.

Le attività si concluderanno intorno alle ore 16:30 nel borgo di Varzi.

Per il recupero delle auto alla rocca di Oramala metteremo a disposizione un servizio di navetta per il trasporto dei soli conducenti che dovranno poi ridiscendere a Varzi per il recupero dei loro passeggeri. Per i camminatori più incalliti sarà possibile ritornare autonomamente a piedi alla rocca seguendo la strada asfaltata che la collega Varzi con un percorso in salita della durata di circa un’ora.

Il percorso dalla rocca di Oramala a Varzi è interamente in discesa e non presenta nessuna difficoltà tecnica. Sono comunque necessarie calzature comode da passeggiata con suola antiscivolo e scorta d’ acqua.  L’attività è a numero chiuso e pertanto è richiesta la prenotazione possibilmente entro venerdì 11 Maggio 2018.

Domenica, 29 Aprile 2018 00:00

Sapori sui sentieri di San Ponzo

Facile anello con una prima parte in leggera salita tra i boschi del monte Vallassa ed una seconda parte panoramica in discesa tra i frutteti alla scoperta dei luoghi legati a questo misterioso eremita medievale, la cui figura è circondata da numerose leggende riguardanti perfino la sua alimentazione ed i prodotti naturali e tradizionali di questa zona.

La partenza della passeggiata è prevista per le ore 14:30 di fronte alla pieve medievale dove sono conservate le reliquie del santo.

Dopo la visita guidata della chiesa, ci si trasferirà al vicino caseificio Verardo, una piccola azienda artigianale che ha ripreso l’allevamento delle razze di ovini, bovini e suini un tempo tipiche del territorio ed ora in via di estinzione, allo scopo di produrre salumi e formaggi secondo le antiche tradizioni.

Dopo un breve tour delle strutture, si partirà in compagnia di esperti di natura e storia locale per una passeggiata ad anello che avrà come prima tappa il piccolo borgo medievale dalle case in sasso, per poi inoltrarsi lungo i sentieri boschivi del Monte Vallassa, uno dei siti fossiliferi ed archeologici più importanti dell’Oltrepò Pavese.

Attraverso boschi secolari che forniranno l’occasione di osservare numerose specie vegetali autoctone e tracce della copiosa fauna locale, si arriverà alla zona in cui la roccia arenaria è stata scavata dagli agenti atmosferici, formando le grotte in cui fu rinvenuto il corpo dell’eremita Ponzo. Qui scopriremo le leggende che circondano la figura del santo e come sia possibile sopravvivere in questi luoghi nutrendosi dei prodotti reperibili in natura. Dopo il pic nic a base di prodotti tipici, specialità locali ed acqua di sorgente sul tema delle leggende di S. Ponzo, si ridiscenderà al punto di partenza attraverso un pittoresco paesaggio di prati e frutteti con scorci panoramici sulle vette appenniniche della Valle Staffora.

L’arrivo è previsto per le ore 17:30 circa.

Sono necessari borraccia con acqua per il percorso nonché abbigliamento e calzature adeguati ad un’escursione campestre.

PER PARTECIPARE OCCORRE DARE LA PROPRIA ADESIONE CONTATTANDO GLI ORGANIZZATORI ENTRO LE ORE 12 DI SABATO 28 APRILE

 

Maggiori informazioni sulle modalità di partecipazione e sul menu del pic-nic su http://www.calyxturismo.blogspot.it

 

Domenica, 04 Marzo 2018 00:00

Passeggiando con Pellizza

Il dolce panorama della bassa Val Curone influenzò così profondamente la visione del mondo dell’artista, che una comprensione profonda della sua opera non può prescindere dalla visita di questa terra tra pianura e collina nella quale è ancora possibile riconoscere molte delle vendute da lui immortalate.

 

Con l’aiuto di guide storiche e naturalistiche che daranno tutte le informazioni utili per comprendere le caratteristiche del percorso, si passeggerà idealmente in compagnia di questo pittore scoprendo natura e sapori del suo mondo contadino lungo un sentiero ad anello di circa 5 km che avrà come tappa intermedia il borgo di Volpedo.

 

L’itinerario avrà inizio alla Cascina Cabella di Casalnoceto, un’antica fattoria in stile piemontese che sorge ai piedi di una collina lungo l’antica via per Volpedo, ricordata da Pellizza nell’olio “La strada per Casalnoceto”. Tra prati a foraggio, alternati a filari di alberi da frutto che da più di duecento anni rappresentano l’eccellenza del territorio, si giungerà all’ingresso di Volpedo. Qui ci immergeremo nell’atmosfera Ottocentesca del centro visitando lo studio di del pittore e poi scoprendo la pieve medievale, il castello, i vicoli che fecero da scenario alle più famose opere del pittore.

 

Attraverso le proprietà appartenute un tempo alla famiglia del pittore si salirà ad un punto panoramico che domina il paese di Volpedo dove fu dipinta l’opera pelliziana la Montà di Bogino e da qui avrà inizio il ritorno a Casalnoceto con un percorso panoramico che toccherà la Chiesa della Fogliata, oratorio campestre antico ricordo di un’apparizione mariana che pare ispirò la vocazione del santo alessandrino Luigi Orione.

 

A conclusione dell’escursione, presso la Cascina Cabella si degusterà una abbondante merenda a base di specialità locali legate ai temi della passeggiata.

  

Il ritrovo è previsto per le ore 14:00 davanti all’ingresso della Cascina Cabella. Le attività si concluderanno nello stesso luogo verso le ore 17:30 circa. Sono necessarie calzature sportive comode. Si consiglia riserva d’acqua per il percorso.

 

E’ RICHIESTA LA PRENOTAZIONE ENTRO VENERDI’ 2 MARZO 2018

ionePer simbolo un veliero sospinto da vele infuocate su un mare in burrasca, per nome quasi un colpo di cannone ….. L’itinerario di questa passeggiata al tramonto intende far scoprire le peculiarità del territorio da cui ha origine il Buttafuoco Storico, il corposo vino rosso tipico dello Sperone di Stradella, una catena di colline dell’Oltrepò orientale che si affaccia con splendide vedute sulle valli dei torrenti Scuropasso e Versa e termina a strapiombo sulla pianura lombarda a pochi chilometri dal Po.

Il marchio che distingue questo vino vuole ricordare che nella seconda metà del 1800, la Marina Imperiale austro-ungarica varò una nave dal nome “Buttafuoco”. La leggenda vuole che il nome sia il ricordo di una battaglia perduta da una compagnia di marinai imperiali, comandati a operazioni di traghettamento sul fiume Po nei pressi di Stradella e successivamente impiegati sulle colline dello Sperone nella guerra contro i franco-piemontesi. Un vino del luogo chiamato Buttafuoco ebbe più successo del fuoco della battaglia nell’attirare a sè i baldi marinai, i quali, dentro una grande cantina, fecero strage di botti e bottiglie.

Al di là della leggenda, la fama enologica di questo territorio è in effetti molto antica, essendo la zona favorita non solo per clima e geologia, ma anche per la sua posizione geografica strategica che obbligava condottieri, pellegrini e mercanti ad attraversarla.

Il carattere dei vini dello Sperone è determinato dalla tradizione di legare ciascun vino ad una sola vigna in cui vitigni originari della zona esprimono la particolare esposizione e la geologia dell’appezzamento. La cosa ha un valore particolare se si pensa che in un territorio di soli 2000 ettari si possono distinguere ben tre fasce diverse di suoli ed ancora più tipi di insolazione e ventilazione che garantiscono personalità uniche ed originalità nei prodotti.

Con partenza da Castana, la passeggiata ad anello di circa 4 km. si snoderà tra bei vigneti che daranno modo di conoscere insieme ad un vignaiolo locale gli aspetti storici e agronomici della zona insieme alla filosofia produttiva di questo antico vino. Dopo un brindisi davanti al tramonto sul colle di Montarzuolo, famoso per le sue arenarie, oltre che per la sua posizione panoramica, si visiterà una cantina produttrice dove si effettuerà una degustazione guidata in abbinamento a prodotti e specialità della zona.

Il ritrovo è per le ore 18:00 presso l’Azienda Vitivinicola Calvi in Frazione Palazzina 24, 27040 Castana (PV).

E’ necessario indossare scarpe sportive.

L’attività è a numero chiuso, occorre quindi prenotare possibilmente entro la mattinata di venerdì 19 maggio 2017.

 

Pagina 1 di 2

Hotel Ristorante Prodongo

26 Novembre 2014 in ALBERGHI 2655 hits

Le nostre stanze, sono arredate in maniera esclusiva, nel rispetto della tradizione, con l'utilizzo di materiali naturali e in cui ogni particolare è…

 from 0 votes

HOTEL TERME PRESIDENT

27 Maggio 2013 in ALBERGHI 3507 hits

Le Terme President, centro attivo del benessere, sono note e sfruttate sin dai tempi degli antichi romani. La ricchezza di…

 from 0 votes

LA PERNICE ROSSA

29 Gennaio 2013 in ALBERGHI 3693 hits

Nell' alta Val Staffora a cavallo tra le province di Pavia e Piacenza si trova il Monte Penice; sulle sue…

 from 0 votes

LA GINESTRELLA

29 Gennaio 2013 in ALBERGHI 4101 hits

L'albergo ristorante La Ginestrella è circondato dai boschi di castagno in una piccola frazione a pochi Km da Varzi, ed…

 from 0 votes

HOTEL SALUS

29 Gennaio 2013 in ALBERGHI 3635 hits

L'Hotel Salus è una moderna struttura completamente accessibile ai disabili dotata di ogni comfort. Il posto ideale per una vacanza…

 from 0 votes

PARK HOTEL OLIMPIA

29 Gennaio 2013 in ALBERGHI 3667 hits

UN’OASI DI RELAX E BENESSERE NEL CUORE DELL’OLTREPO PAVESE Nel cuore dell’Oltrepo Pavese, in un ambiente ideale per chi ama…

 from 0 votes

PARK HOTEL

29 Gennaio 2013 in ALBERGHI 3690 hits

Situato nel cuore dell'Oltrepo Pavese, zona famosa non solo per i suoi vini e la cucina tipica, Il Park Hotel…

 from 0 votes

HOTEL MILANO

04 Gennaio 2013 in ALBERGHI 3358 hits

L'Hotel Milano è situato nel centro di Salice Terme, importante località termale, rinomata per le sue acque sulfuree e salsobromoiodiche.L'Hotel…

 from 0 votes